linkedin, pinterest, social

Pinterest una versione per le feste natalizie


Pinterest ha preparato una versione del loro servizio tutta natalizia, un calendario dell’avvento fatto di Pinterest Board, di utenti e brand, questo il link in cui vedere i: 30 Days of Pinspiration, un pratico appuntamento quotidiano di consigli per il natale: ricette, decorazioni, …

In questo articolo la ABC anticipa qualcuna delle prossime board che verranno svelate di giorno in giorno, non resta che vedere quali consigli ci aspettano da questo bollettino giornaliero di pinspirazioni

30 days of pinspiration

Pinterest in versione calendario dell’avvento

Standard
linkedin, pinterest, social

Le notifiche di Pinterest cambiano


Da qualche ora sono state cambiate le notifiche via mail di Pinterest, fino a poco fa arrivavano in formato testo, indicando il nome dell’utente e l’azione che gli utenti facevano ai vostri Pin, un like, un repin o il follow di una board.

Adesso sono state migliorate e ampliate, non sono più in un semplice formato testo, le mail che vengono inviate mostrano anche l’avatar dell’utente, le immagini dei Pin con cui hanno interagito e la board in cui è stato inserito il pin.

L’aspetto grafico è stato migliorato e segue il look and feel dell’ormai celebre Social Network, c’era da aspettarselo per un media che vive d’immagini, basare la comunicazione agli utenti in modo più visivo.

Standard
linkedin, pinterest, social

Un “Pin it” button come amico, ovvero la Content Curation istantanea


Mentre tutti parlano di strategie vincenti per l’uso di Pinterest, l’impressione è ci si occupi più del fenomeno, che di come si può usare in modo pratico questo strumento, quindi trovo utile ricordarvi questo semplice consiglio per Pinnare al meglio una foto.

Si tratta di una tecnica per fare un’ottima Content Curation (leggasi scrivere testi sensati e corrispondenti con tanto di keyword, hastag e un pizzico di link a corredo di un Pin), di una immagine su o per Pinterest; gli unici a dare questo consiglio sono stati Beatrice Nolli e Francesco Gavello, che è semplice, basta fare questo semplice gesto: prima di cliccare sul beneamato bottone Pin It nella barra dei preferiti, selezionate una parte di testo nella pagina dove c’è l’immagine che volete pinnare. Dopodiché cliccate sul Pin It e… magicamente il testo scelto appare nella descrizione del Pin!

Ovvio che in questa pagina/post deve esserci qualcosa di scritto, se pinnate da ffffound allora avete bisogno di un copy, ma solitamente se trovate immagini da un post questo è corredato di qualcosa di scritto che lo racconta, che lo descrive, che gentilmente ce ne parla, ecco, una parte di quel testo può essere utile nel Pin, però ricordate che avete 500 caratteri a disposizione, e se in Twitter sono più di 3 singoli tweet, quando invece ci si trova a selezionare un pezzo di un qualsiasi paragrafo di testo vi assicuro che 500 possono sembrare pochi. La cosa migliore è prendere una parte di testo aderente all’immagine, dove ci sono gli elementi chiave, come autore, soggetto; dati come luogo o provenienza, data…

Da questo trick, c’è poi da considerare la possibilità di scegliere dal testo alcune parole che diventino hashtag (che possono essere utili come keyword), da aggiungere al Pin.

Detto questo, torno a cercare fonti per i miei Pin, se qualcuno ha nuovi skill per Pinterest ce lo faccia sapere!

Standard
linkedin, pinterest, social

Pinterest e i follower modificati


Proseguono i cambiamenti in casa Pinterest.

È stato modificato il modo in cui vengono di conteggiati Followers e Following.

pinterest come calcola i follower

Un esempio, dal mio account personale: Paolo Valzania Fino alla settimana scorsa ero seguito da poco più di un centinaio di follower, adesso sono quasi 300; posso assicurarvi che tutta questa fioritura non ha niente a che fare con gli acquisti di follower su Twitter di cui si è parlato nelle ultime settimane, altrimenti sarei qui per vendeveli per Piinterest… 🙂

Scherzi a parte, il motivo di questa intro:

è cambiato il modo in cui Pinterest definisce una azione che vi rende follower.

Fino a poco tempo fa come follower erano contati solo quelli per cui avevamo cliccato sul bottone Follow All all’interno dell’account personale che visitavamo; in seguito si poteva scegliere di fare un unfollow su delle singole board (anche su tutte, ho provato), ma si rimaneva comunque follower di quell’account.

Non erano invece considerati following quegli account a cui avevamo preferito solo alcune delle sue board, piuttosto che seguirlo in toto; in questo caso si potevano seguire anche tutte le board, ma non si era effettivamente dei “follower“.

Adesso sia una, che l’altra azione vengono conteggiate come un following.

Ora tutti i modi, seguire tutte insieme o una sola board, vi definiscono come follower di quell’account, quindi:

  • sia dalla pagina dall’account, cliccando il bottone Follow All (così si sceglie di seguire tutto quello che viene pinnato)
  • oppure dalla pagina dell’account o dopo un pin quando si sceglie una board di provenienza che vi viene proposta.

Piccole e costanti modifiche, a volte neanche annunciate, che stanno sistemando questo nuovo modo di raccontarsi per immagini.

Aggiornamento [02/06/2012]

Ecco la conferma, dalle pagine di supporto di Pinterest:
Modifiche e conteggi nei follower/following

Standard
linkedin, social

Twitter e la semantica della mention


  1. Durante il corso Digital Update, tenuto da Alessandra Farabegoli e Gianluca Diegoli, in uno scambio di domande e ottime risposte, si sono ascoltati ottimi consigli, tra questi spuntavano esempi da meme conosciuti e non, virali o no che siano, ma quello che voglio far notare in questo post è la discussione attorno a uno di questi meme, discussione portata su twitter tra 3/4 utenti, me compreso. Provo a fissare la discussione e spiegarne la relativa struttura per non perdere il significato corretto di quello che è stato twittato.

    In questo caso il twitt incriminato e da leggere attentamente è il seguente:
    @spottino @fatamadrinawp @ovettofresco confermo!
    Ma partiamo dall’inizio. Tutto parte da un meme, è un video di presentazione sul sito di una Wedding Planner: Fatamadrina
  2. Share
    FATAMADRINA
    Wed, Mar 28 2012 21:26:47
  3. Molto carino, una stop-motion che in breve illustra tutta la magia di Fatamadrina
    Il thread su twitter
  4. La discussione che nasce su twitter qualche tempo dopo, parte da questo tweet da parte della Fatamadrina:

  5. Share
    @decarola ma dài! E chi ne parla? Dove? Come? #vogliosaperetutto @Fraintesa
    Wed, Mar 28 2012 09:17:34
  6. @fatamadrinawp chiede informazioni a @decarola, che presente al corso aveva avvisato fatamadrina della citazioine, mentre mette a conoscenza della cosa anche @Fraintesa che nel video fa la cliente, la futura sposa.

    decarola risponde:
  7. Share
    @fatamadrinawp mi era sfuggito il tweet! se ne parlava al #digitalupdate , in mezzo a bella gente! (tutti ti facevano i complimenti)
    Wed, Mar 28 2012 15:21:14
  8. La discussione che c’è stata sul video è stata anche questa: la piattaforma su cui è caricato non è YouTube ma Vimeo. Quindi si perdono tutta una serie di vantaggi di visibilità e SEO che invece YouTube offre con un buon content editing.
    Riporto la cosa a fatamadrina
  9. Share
    @fatamadrinawp dal #digitalupdate consigliano, giustamente, di caricarlo su YouTube per evidenti vantaggi (SEO e non)
    Wed, Mar 28 2012 16:28:37
  10. Share
    @spottino oh, grazie! Nei prossimi mesi anche il sito dovrebbe adattarsi e diventare più pop 🙂 @decarola #digitalupdate
    Wed, Mar 28 2012 16:18:42
  11. sempre più incuriosita fatamadrina chiede a me (spottino) e a decarola chi ha citato per primo il video
  12. Share
    @spottino @decarola cmq mi avete incuriosito: chi ne ha parlato per primo del video? Fate nomi, pls 🙂 #digitalupdate
    Wed, Mar 28 2012 16:47:00
  13. con un ReTwitt a fatamadrina le dico che è stata ovettofresco e chiedo conferma a decarola, e inizia una serie di citazioni di account
  14. Share
    @fatamadrinawp non vorrei sbagliarmi ma la sorgente è stata @ovettofresco vero, @decarola ?
    Wed, Mar 28 2012 16:50:01
  15. Share
    @spottino ah che tesora l’ @ovettofresco! Be’ felice di avere la fatto la case study anche solo per un attimo 🙂
    Wed, Mar 28 2012 17:00:14
  16. È qui la parte più interessante di tutte: decarola con un ReTwitt a me, spottino, risponde anche a fatamadrina confermando che è stata proprio ovettofresco a parlare per prima del video. 3 citazioni e una sola parola!
  17. Share
    @spottino @fatamadrinawp @ovettofresco confermo!
    Wed, Mar 28 2012 17:09:14
  18. Questo post è in prima battuta un appunto per ricordarmi com’è stata questa discussione, e come ha funzionato, perché immagino che con il tempo questo ultimo tweet, letto e tolto dal contesto di risposte e rimandi può sembrare sicuramente tutt’altro, è molto più simile a un grazie per il follow, che a una risposta a una serie di domande e che la sua struttura ha un ordine ben preciso e interpretabile.
    Ecco come dei brevi messaggi su twitter possono sembrare astratti o molto complessi da leggere, sembrano qualcosa di molto lontano dal linguaggio normale, mentre invece hanno una struttura (nuova) e che forse va imparata per essere compresa e utilizzata come è successo in questo caso in modo spontaneo e diretto.
Standard
linkedin, social

Pinterest cos’è e come funziona: info, post, video, documenti e presentazioni


  1. Cos’è Pinterest, spiegato da Pinterest 🙂


  2. Come installare una semplice utility per Pinterest: il bookmarklet
    Pubblicare direttamente con un semplice click, è semplice: basta installare il “pin-it” sulla barra dei preferiti. Così è possibile caricare una immagine o un video da una qualsiasi pagina web, ecco 2 video su come installare il bottone su Chrome e Firefox.
  3. Share
    Pinterest: Chrome Instructions

    Thu, May 20 2010 14:32:18
  4. Share
    Pinterest: Firefox Instructions

    Thu, May 20 2010 13:24:26
  5. Estensioni

    Alcune estensioni per il browser Chrome, una per pinnare con il tasto destro del mouse, l’altra per vedere le immagini ingrandite senza doverle cliccare ulteriormente.

  6. L’App per iPhone (e iPad)
  7. Un paio di video che spiegano le funzionalità di Pinterest (tutorial in inglese).
  8. Share
    Getting Started With Pinterest

    Fri, Feb 03 2012 11:38:12
  9. Share
    Pinterest Tutorial

    Mon, Sep 12 2011 14:39:44
  10. Una presentazione facile facile su cos’è e come utilizzarlo.
  11. Un documento che vi guida al primo utilizzo
  12. Uno sguardo più approfondito
  13. Pinterest per il vostro business

    Fate voi i vostri calcoli e considerazioni, esistono moltissime possibilità per utilizzarlo come uno strumento molto utile: dalla semplice raccolta al contest, dalla condivisione al lavoro condiviso su board

  14. Guide in italiano

    Come utilizzare al meglio Pinterest per il proprio marchio o per il proprio sito, modi con cui promuovere i propri prodotti e/o servizi.

  15. Pinterest e le aziende, con un elenco di brand italiani presenti…
  16. … e 3 domande sulla presenza di Einaudi
  17. Brand “Pages” su Pinterest

  18. Ho scritto qualcosa al riguardo, le mie impressioni e preferenze.
  19. Alcuni dati sul traffico che genera Pinterest

    visto il momento e l’interesse i dati sono da rivedere di continuo e si trovano costantemente aggiornati 
  20. Share
    INFOGRAFICA: gli ultimi dati su Pinterest fb.me/1LJpOrvha

    Mon, Feb 20 2012 05:33:43
  21. Adesso c’è anche una possibilità contraria, ovvero un sito può decidere il blocco di pin del propri contenuti.
  22. Questi sono gli articoli che mi hanno raccontato di più su quest’ultimo fenomeno social.Se volete seguirmi, ecco le mie board:
Standard
pinterest, social, webdesign

Su Pinterest e il suo successo


A quanto pare Pinterest sta spopolando, il suo successo è raccontato da una serie infinita di articoli pieni di lodi, dal traffico che genera alle sue potenzialità a livello di marketing e come volano per l’e-commerce.

Pinterest lo utilizzo per raccogliere immagini per lavoro, mi creo delle vere e proprie moodboard, che mi sono utili, di certo bisogna trovare delle fonti valide, in modo da ottenere un insieme di immagini varie e di qualità e soprattutto a tema.

Penso che l’interfaccia molto semplice e efficace sia uno dei punti che premia il suo successo, le funzioni ci sono tutte, sempre a portata e chiare, visivamente semplici ma in perfetto stile e sintonia con tutto il resto. Il layout è una griglia ben studiata che lascia sempre tutto alla giusta proporzione, come dire… è armonica. La sua chiarezza oltre che nell’aspetto è  anche nella sua funzionalità, l’origine sempre disponibile è un altro fattore di trasparenza, si può sempre sapere da dove proviene l’immagine o il video che si sta guardando.

Sto imparando a utilizzarlo e dopo un primissimo inizio semi-compulsivo, ho capito che per me è meglio non iscrivermi a tutto quello che pubblica un utente, ma preferisco scegliere le board dal suo profilo, non me ne vogliano i fan di Pinterest ma nelle prime settimane sono rimasto vittima di bravissimi fotografi che mi hanno letteralmente posseduto intere scroll di pagina con le loro bellissime immagini, ma erano un po’ troppe per i miei gusti. Quindi senza perdere contatto con la qualità delle loro espressioni creative, ho preferito fare una scelta e ho scremato, diminuendo così le loro proposte nei miei confronti, continuo a vedere solo alcuni dei loro scatti/immagini, più vicine e aderenti alle mie preferenze.

Ho imparato che non è necessario repinnare tutto quello che mi passa su un determinato tema da alcuni utenti (e al massimo scegliere solo il meglio), comunque ci sono loro e le loro Board a fare ricerca e raccolta, non saranno meno mie se non sono nelle mie raccolte, ogni tanto passo a dare una occhiata ai profili di questi ricercatori e alle loro scoperte.

Mi piace e incomincio a vederlo anche come strumento e non solo come “soscial netuorc”, e come strumento, sono curioso di vedere come si potrà evolvere, per ora sono un patito delle infografiche, mentre mi hanno già saturato le belle foto con una citazione piazzata sopra, voi che preferenze avete?

Standard