linkedin, pinterest, social

Pinterest una versione per le feste natalizie


Pinterest ha preparato una versione del loro servizio tutta natalizia, un calendario dell’avvento fatto di Pinterest Board, di utenti e brand, questo il link in cui vedere i: 30 Days of Pinspiration, un pratico appuntamento quotidiano di consigli per il natale: ricette, decorazioni, …

In questo articolo la ABC anticipa qualcuna delle prossime board che verranno svelate di giorno in giorno, non resta che vedere quali consigli ci aspettano da questo bollettino giornaliero di pinspirazioni

30 days of pinspiration

Pinterest in versione calendario dell’avvento

Annunci
Standard
linkedin, pinterest

6 utili strumenti per Pinterest (un articolo di Christian Karasiewicz)


Vi segnalo un post che raccoglie link a ottimi strumenti per Pinterest.
Quasi tutti gratuiti e devo dire che alcuni sono utilissimi: PinAlert, Pingraphy

6 useful Pinterest tools (PicMonkey, Pingraphy, Quozio, Curalate, Pinstamatic,PinAlerts) to grow engagement and get more repins from Christian Karasiewicz…

Il link all’articolo: www.christiankonline.com

Standard
pinterest

Aggiornata l’app di Pinterest su iPad!


Davvero un bell’aggiornamento per l’app di Pinterest su iPad.

Finalmente non si è costretti a utilizzare l’iPad come se fosse un iPhone in grande, i miglioramenti sono tanti tra tutti il vantaggio di avere disponibile tutto lo spazio dello schermo come succede nei browser; a questo punto è più facile fare paragoni tra l’interfaccia di Pinterest su browser e la nuova applicazione, che tra iPad e iPhone, sono due cose distinte e la cosa a mio parere è perfetta, chi usa il melafonino ha bisogno di un servizio più spartano, mentre su iPad le cose sono diverse: lo spazio a schermo c’è e adesso è ben sfruttato.

Non resta che fare l’aggiornamento o scaricarla qui e pinnare comodamente 

Standard
linkedin, pinterest, social

Le notifiche di Pinterest cambiano


Da qualche ora sono state cambiate le notifiche via mail di Pinterest, fino a poco fa arrivavano in formato testo, indicando il nome dell’utente e l’azione che gli utenti facevano ai vostri Pin, un like, un repin o il follow di una board.

Adesso sono state migliorate e ampliate, non sono più in un semplice formato testo, le mail che vengono inviate mostrano anche l’avatar dell’utente, le immagini dei Pin con cui hanno interagito e la board in cui è stato inserito il pin.

L’aspetto grafico è stato migliorato e segue il look and feel dell’ormai celebre Social Network, c’era da aspettarselo per un media che vive d’immagini, basare la comunicazione agli utenti in modo più visivo.

Standard
linkedin, pinterest, social

Un “Pin it” button come amico, ovvero la Content Curation istantanea


Mentre tutti parlano di strategie vincenti per l’uso di Pinterest, l’impressione è ci si occupi più del fenomeno, che di come si può usare in modo pratico questo strumento, quindi trovo utile ricordarvi questo semplice consiglio per Pinnare al meglio una foto.

Si tratta di una tecnica per fare un’ottima Content Curation (leggasi scrivere testi sensati e corrispondenti con tanto di keyword, hastag e un pizzico di link a corredo di un Pin), di una immagine su o per Pinterest; gli unici a dare questo consiglio sono stati Beatrice Nolli e Francesco Gavello, che è semplice, basta fare questo semplice gesto: prima di cliccare sul beneamato bottone Pin It nella barra dei preferiti, selezionate una parte di testo nella pagina dove c’è l’immagine che volete pinnare. Dopodiché cliccate sul Pin It e… magicamente il testo scelto appare nella descrizione del Pin!

Ovvio che in questa pagina/post deve esserci qualcosa di scritto, se pinnate da ffffound allora avete bisogno di un copy, ma solitamente se trovate immagini da un post questo è corredato di qualcosa di scritto che lo racconta, che lo descrive, che gentilmente ce ne parla, ecco, una parte di quel testo può essere utile nel Pin, però ricordate che avete 500 caratteri a disposizione, e se in Twitter sono più di 3 singoli tweet, quando invece ci si trova a selezionare un pezzo di un qualsiasi paragrafo di testo vi assicuro che 500 possono sembrare pochi. La cosa migliore è prendere una parte di testo aderente all’immagine, dove ci sono gli elementi chiave, come autore, soggetto; dati come luogo o provenienza, data…

Da questo trick, c’è poi da considerare la possibilità di scegliere dal testo alcune parole che diventino hashtag (che possono essere utili come keyword), da aggiungere al Pin.

Detto questo, torno a cercare fonti per i miei Pin, se qualcuno ha nuovi skill per Pinterest ce lo faccia sapere!

Standard
linkedin, pinterest, social

Pinterest e i follower modificati


Proseguono i cambiamenti in casa Pinterest.

È stato modificato il modo in cui vengono di conteggiati Followers e Following.

pinterest come calcola i follower

Un esempio, dal mio account personale: Paolo Valzania Fino alla settimana scorsa ero seguito da poco più di un centinaio di follower, adesso sono quasi 300; posso assicurarvi che tutta questa fioritura non ha niente a che fare con gli acquisti di follower su Twitter di cui si è parlato nelle ultime settimane, altrimenti sarei qui per vendeveli per Piinterest… 🙂

Scherzi a parte, il motivo di questa intro:

è cambiato il modo in cui Pinterest definisce una azione che vi rende follower.

Fino a poco tempo fa come follower erano contati solo quelli per cui avevamo cliccato sul bottone Follow All all’interno dell’account personale che visitavamo; in seguito si poteva scegliere di fare un unfollow su delle singole board (anche su tutte, ho provato), ma si rimaneva comunque follower di quell’account.

Non erano invece considerati following quegli account a cui avevamo preferito solo alcune delle sue board, piuttosto che seguirlo in toto; in questo caso si potevano seguire anche tutte le board, ma non si era effettivamente dei “follower“.

Adesso sia una, che l’altra azione vengono conteggiate come un following.

Ora tutti i modi, seguire tutte insieme o una sola board, vi definiscono come follower di quell’account, quindi:

  • sia dalla pagina dall’account, cliccando il bottone Follow All (così si sceglie di seguire tutto quello che viene pinnato)
  • oppure dalla pagina dell’account o dopo un pin quando si sceglie una board di provenienza che vi viene proposta.

Piccole e costanti modifiche, a volte neanche annunciate, che stanno sistemando questo nuovo modo di raccontarsi per immagini.

Aggiornamento [02/06/2012]

Ecco la conferma, dalle pagine di supporto di Pinterest:
Modifiche e conteggi nei follower/following

Standard